7 CONSIGLI PER APPARIRE BELLA E PROFESSIONALE

L’aspetto esteriore conta, la forma siccome colpisce l’occhio e l’inconscio di chi guarda, deve essere in grado di dare supporto alle tue parole, ecco quindi 7 consigli per apparire bella e professionale:

Apparire bella e professionale significa ispirare sicurezza, controllo, flessibilità e coerenza, significa riuscire a trasmettere questi valori anche attraverso l’immagine, ovvero far sì che il proprio aspetto e le caratteristiche di ciò che indossa parlino il suo stesso linguaggio.

1. ASPETTO CURATO

Il primo consiglio per apparire bella e professionale è l’attenzione alla cura personale, l’uso responsabile di deodoranti e profumi, trasmettono controllo e rispetto di sè e conseguentemente degli altri. Anche la cura delle mani è importante, le unghie non devono apparire come artigli ma avere una forma armonica e scegliere smalti dai colori sobri.

2. VALORIZZARE IL VISO

Il viso è ovviamente la parte più comunicativa del corpo – anzi e deve essere percepita dagli altri in modo semplice e pulito, non penalizzarlo e soffocarlo con eccessivi cosmetici. Il make up va gestito in modo da portare luce e colore senza apparire eccessivo o ridondante. Nell’ottica di un’immagine che riflette autenticità, un make up troppo artificiale o che ‘nasconde’ sicuramente non è efficace.

In generale tutti dovrebbero fare attenzione ai colori indossati sotto il viso, perché se non coerenti con le proprie caratteristiche cromatiche (sottotono dell’incarnato, colore dell’iride e della cornea, colore dei capelli) lo fanno apparire spento o poco definito.

Anche nei colori tipicamente ‘business’, come i blu, i grigi, gli azzurri, i neri, i beige, i bianchi, esistono sfumature di ciascun colore che si adattano meglio ad una persona piuttosto che ad un’altra.

In fine, bisogna assolutamente evitare il rischio di apparire a disagio, o insicuri/e o confusi/e, anzi la percezione che deve arrivare è di una persona presente e consapevole.

3. DUE ARMI POTENTI: SGUARDO E SORRISO

Gli occhiali devono avere una forma adatta alla morfologia del tuo viso, calzare correttamente sul naso, permettendo agli occhi di apparire perfettamente centrati attraverso le lenti.

Le montature troppo fantasiose rischiano di distrarre troppo l’attenzione e farti apparire poco credibile, mentre quelle ‘senza montatura’ ti faranno apparire troppo ‘neutro/a’.

In tema di montature è importante trovare la forma che si adatti alla morfologia del viso, in modo tale che questo accessorio non appaia ingrombrante o faccia apparire il viso troppo tondo, troppo duro, troppo lungo, troppo corto, bensì equilibrato e valorizzato nelle sue proporzioni.

E ovviamente la luminosità degli occhi e la definizione dello sguardo è favorita dall’indossare capi nei colori che cromaticamente meglio si adattano al colore dell’iride e della sclera (sai che si possono indossare bianchi diversi, in funzione del tipo di bianco nell’occhio?)

Va considerata inoltre l’importanza del sorriso: accorcia le distanze, mette gli altri a proprio agio, ma soprattutto, come lo sguardo, dice che sei sicuro/a. Non bisogna aver paura di sorridere: non è una forma di debolezza, piuttosto può esprimere che la persona è sicura e tranquilla.

Ovviamente anche l’igiene ed una costante cura dentale sono di grande rilevanza per favorire una percezione gradevole e positiva. In casi specifici si può pensare anche allo sbiancamento dei denti.

4. LA VESTIBILITÀ DEI CAPI

Gli indumenti che indossi devono sempre rispecchiare le tue proporzioni e non farla apparire visibilmente penalizzata nei suoi punti critici.

Il taglio di una giacca, la caduta di un pantalone, la linea di un abitino, la tenuta di una maglia, devono essere tutti elementi che vestono e valorizzano la tua persona.

Spesso le maniche delle giacche (sia per gli uomini che per le donne) necessitano di essere accorciate anche di uno o due centimetri per risultare perfettamente proporzionate alla lunghezza del braccio. Il ricorso alla sartoria su misura ad un budget accessibile, è possibile e consigliato.

5. PELLETTERIA DI QUALITÀ

Quando si tratta di borse, cinture, scarpe spesso si tende a considerarle dei puri oggetti funzionali o, nel caso opposto, un modo per cavalcare la tendenza moda del momento.

In realtà questi accessori sono quelli che danno il tono all’intero outfit, per cui se sono di buona qualità, magari modelli classici ma attualizzati nello stile e ben fatti, mantengono alta la qualità di tutta la persona.

6. USO MIRATO DEI COLORI

In ambito lavorativo l’uso dei colori è più limitato rispetto al tempo libero (dove si può scegliere liberamente secondo il proprio gusto ed il proprio umore).

Tuttavia quello che succede, è che molte persone si vestono per lavoro sempre con gli stessi colori. Sempre con gli stessi abbinamenti. Sempre in modo monotono, ripetitivo, prevedibile e impersonale.

Qualche esempio su cosa non fare? Vestirti di grigio e abbinare altri grigi, oppure indossare i beige ed i marroncini insieme. Sono combinazioni che tolgono assertività, mentre invece una punta di un colore vivace (ad esempio un rosso corallo), in una cravatta, in una collana, in una fantasia, se abbinati ai neutri del guardaroba, immediatamente creano un contrasto forte che catalizza la giusta attenzione su di te.

7. CAPACITÀ DI RINNOVARTI

Così come la tua vita evolve, deve evolvere anche il tuo stile. Rimanere ancorati ad uno schema vestimentario che si ripete mese dopo mese, anno dopo anno, ti farà apparire statico/a, poco flessibile e monotono/a.

Saper introdurre nel tuo guardaroba, anche lavorativo, qualche capo nuovo, qualche rivisitazione dei classici, qualche accessorio particolare, ti aiuterà a mantenere il tuo stile attuale, a gratificarti, a tenerti in un allenamento stilistico che ti permette di comunicare agli altri flessibilità, personalità, attualità.

Se hai trovato interessanti i miei 7 consigli per apparire bella e professionale approfitta ora per contattarmi e ricevere una consulenza più approfondita e personalizzata.

CONTATTI